Download it here free

Download it here free

 

Non so se conosciate Contagious Magazine…ma, se lavorate in comunicazione o nel marketing, dovreste!

Contagious Magazine è un magazine che si concentra sulle idee e sulle innovazioni di marketing e comunicazione più efficaci nel  mondo. Contagious, a differenza di tanti altri magazine di adv, copre tutti gli aspetti della comunicazione contemporanea: dal social media alla tecnologia al design, analizzando  in profondità i nuovi trend ed anche i comportamenti e gli insights dei consumatori.

Ha un unico grande difetto. Costa tantiiiiiisssimo!

Se non siete abbonati, dal sito potrete carpire qualche trend o articolo ma non avrete mai accesso al DB completo.

C’è solo un volume che è gratis ed è anche bellissimo: Most Contagious 2012; la revisione annuale delle tendenze, delle tecnologie e delle innovazioni creative che hanno maggiormente influenzato i brand del 2012.

Potete scaricarlo GRATIS qui

Buona lettura.

JWT: 100 Things to Watch in 2013 from JWTIntelligence

E se siete sopravvissuti alle 108 slide di JWT, merita una letta anche la top 11 del mondo hitech secondo Mashable.

Nonostante le prime notizie risalgano al 30 luglio scorso, solo questa settimana (ieri, nel nostro caso) la nuova UI per la navigazione immagini si stà propagando da qualche giorno (ad alcuni di noi da ieri pomeriggio)  ad un primo gruppo di utenti italiani.

Tra le principali novità che a quanto pare per il momento interesano soltanto la versione desktop, troviamo la visualizzazione a mosaico, organizzata in 3 tabs (photos of you, in cui siamo stati taggati), photos (tutte le foto caricate, profilo, cover, album etc) e albums. Suddivise per anno, in ordine di inserimento.

Un look & feel decisamente più  in linea con il diario del profilo e sicuramente più piacevole rispetto al passato, grazie anche alle thumbs di dimensioni maggiori ed al formato quadrato, scelto forse anche per favorire una futura integrazione con il quasi-neo-acquisto instagram.

Altra interessante novità è la possibilità di fare highligh sulle immagini direttamente dalla photo gallery aumendandone le dimensioni x4. Funzionalità già introdotta nella modalità diaro che però, almeno per ora non trova corrispondenza esatta tra i due. Se si tratti di un bug o meno non mi è chiaro, ma facendo diversi test, se applico o elimino un highlight ad una foto nella gallery, non sempre avviene la stessa cosa nel diario e viceversa.

Googolando un po’ non ho trovato particolari informazioni su tempi di rilscio o qualche annuncio ufficiale se non una manciata di articoli piuttosto generici le stesse info ed imamgini. Nell’attesa di saperne di più. qui sotto qualche screen grab fatto questa mattina.

fb_photogallery_1

fb_photogallery_2

fb_photogallery_3

Viral Wednesday #6

June 20th, 2012


Un servizio degno di studio aperto, in cui un sexy toy diventa una specie di fungo mai visto prima. E mentre continuamo a chiederci se la tratuzione sia realmente tale, siamo a 2 mln di views in meno di 48 ore.

scossevstweet2
Tra le varie barzellette-tormentone che mi raccontavano da bambino ce n’era una, del matto contro mano in autostrada, che vista ora oltre a non far ridere, sembra più una parabola che  una freddura. Raccontava di questo squilibrato che, imboccata in senso contrario l’autostrada, accendeva a tutto volume l’autoradio da cui un radio giornale annunciava:

Attenzione, Attenzione! Un pericoloso squilibrato ha imboccato l’autostrada A1 contro mano e guida a forte velocità in direzione sud da Reggio Emilia verso Modena. Nell’attesa che intervengano le forze di polizia,  Siete invitati a rallentare e prestare la massima attenzione”.

L’uomo, visibilmente agitato ed intento a schivare automobili,  spegne la radio con uno scatto d’ira urlando “UNO?!?! ce ne saranno DUEMILA!”

Ecco, quando ho letto il messaggio lasciato su ScosseVStweet.it a seguito del mare di critiche mosse da twitter, nei commenti della Fake Gazette e dal blog di Gianluca Diegoli mi è venuto in mente proprio quella storia.  Un team creativo, quello di Saatchi&Saatchi che invece di ammettere di aver pestato una merda,  cancella un progetto mediamente inutile (se non dannoso) e totalmente scollegato dalle reali esigenze delle persone perchè, dice, “non compreso” e “mal interpretato“.  Sbagliano gli utenti, i terremotati gli altri. Non chi l’ha pensato.

E da campagnolo outsider quale sono mi sembra sia lo specchio di quello che accade nelle agenzie nostrane, specie se medio/grandi e cittadine dove gran parte del tempo viene diviso tra lamentarsi di lavori e clienti pessimi (ma ben pagati),  discussioni sui fake e sulle associazioni di categoria nei blog o riunioni interminabili per partorire la next big idea da sviluppare, regalare e portare a qualche premio internazionale.

Possibile che siano tutti concentrati a sviluppare roba inutile?Branded app per mobile che non servono a nulla se non a far fatturare chi le sviluppa,  attività sui social che offendono l’intelligenza di qualsiasi essere umano che abbia superato le quinta elementare o concorsi ai limiti del trash ?

Possibile che nelle agenzie ormai ridotte a vivere di collaboratori esterni e stagisti non si insegni più e non si dedichi più tempo a conoscere VERAMENTE un prodotto, il suo mercato di riferimento e SOPRATTUTO le persone a cui questo era ed è rivolto, prima di partorire l’ennesima “idea creativa della madonna” ?

No perchè se succedesse, se Orlandi, Pannese e Lorenzini di Saatchi, avessero non dico fatto un giro dalle nostre parti o dormito qui un paio di notti, ma anche solo fatto quattro chiacchiere al telefono con un po’ di veri locals, avrebbero capito ancor prima di partire, che il loro progetto non solo non era tagliato sul target, non solo sottovalutava il mezzo ignorando completamente i recenti avvenimenti (da riotta a groupalia) ma era anche molto molto discutibile dal punto di vista etico.

Tempo qualche ora e  per loro fortuna si parlerà già d’altro. Magari della prossima idea della madonna per “aiutare le popolazioni terremotate”.

Sicuro in saatchi si parla sentimenti e gioia, come solo i wustrel possono dare.